Decreto Cura Italia, ecco le novità per l’auto

0

Il 17 marzo 2020 è stato firmato e pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto Cura Italia, un decreto legge che, tra le tante novità, autorizza misure speciali per l’emergenza Corona Virus che ha paralizzato tutto il Paese e, più di recente, numerosi Stati in tutto il mondo.

Tra le varie misure messe in atto per fronteggiare il blocco delle attività produttive del Paese ci sono slittamenti e rinvii dei versamenti e della contribuzione fiscale a maggio. Purtroppo le questioni da affrontare dal punto di vista economico sono molte di più e riguardano i contratti di lavoro, le casse integrazione, il sostegno economico alle classi più colpite e la gestione degli uffici pubblici rispetto a documentazioni, rinnovi, gestione pratiche ecc…

Per questo approfondimento sul Decreto Cura Italia, per il quale si attendono gli adempimenti che rendono esecutivo ogni punto, ci concentriamo sulle RC Auto, sulle patenti, le revisioni dei documenti, sui permessi di guida e sulla circolazione.

Patenti

La validità dei documenti di riconoscimento scaduti o in prossimità di scadenza sono considerati validi per l’identificazione. La loro validità è prorogata per tutti al prossimo 31 agosto 2020. La validità per l’espatrio, tuttavia, resta legata alla data di scadenza riportata sul documento.

Revisioni

Per via dello stato di emergenza nazionale la circolazione è senza revisione è autorizzata fino al 31 ottobre 2020. Attenzione perché i veicoli interessati sono quelli che avrebbero dovuto essere sottoposti alla revisione entro il 31 luglio 2020.

Foglio Rosa

I fogli rosa in scadenza nel periodo compreso tra il 1° febbraio al 30 aprile 2020 sono stati prorogati al 30 giugno 2020.

Permessi provvisori di guida

Il permesso provvisorio di guida rilasciato per accertamenti sanitari rispetto all’articolo 119 del Codice della Strada è prorogato senza oneri per il cittadino fino al 30 giugno 2020 a patto che la commissione sanitaria non abbia potuto riunirsi per l’emergenza Coronavirus.

Carta di qualificazione del conducente

Anche le carte di qualificazione del conducente sono prorogate al 30 giugno 2020. Questa proroga riguarda solo quelle in scadenza dal 23 febbraio al 29 giugno 2020.  Per lo stesso motivo anche i certificati di formazione professionale per il trasporto di merci pericolose in scadenza dal 23 febbraio 2020 al 29 giugno 2020 sono prorogati in tutta la Nazione al 30 giugno 2020.

Divieti di circolazione

Per quanto riguarda i veicoli per il trasporto merci di massa complessiva massima superiore a 7,5 tonnellate il calendario dei divieti di circolazione su strade extraurbane è sospeso per il 15 ed il 22 marzo.

Tolleranza per le RC Auto

Le polizze assicurative RC Auto sono valide per ulteriori trenta giorni dopo la scadenza e non per i consueti quindici giorni. Questa misura, a meno che non saranno promulgati ulteriori decreti, sarà valida fino al 31 luglio 2020. Il mese dopo la scadenza la compagnia assicurativa è tenuta a mantenere operativa la garanzia assicurativa prestata al momento della stipula della polizza. Per questo l’automobile sarà coperta dalla RC Auto e, i termini per le offerte in caso di necessità di periti medici e legali, saranno prorogati di ulteriori sessanta giorni al di fuori dell’indennizzo.

Rinnovo RC Auto

Optando per il pagamento del premio dopo la scadenza ed entro i trenta giorni, potrebbero seguire due ipotesi. La loro attuazione dipende dalla compagnia assicurativa a cui ci siamo affidati. In sostanza il cliente potrà rinnovare il contratto con la medesima compagnia e pagare il saldo pregresso nella nuova annualità. In questo modo la polizza decorrerà a partire dalla data di scadenza originaria. Per esempio se la polizza scade il 20 aprile e l’utente paga entro il 20 maggio, la data di decorrenza sarà sempre il 20 aprile e non il 20 maggio dell’anno successivo.

L’altro possibile scenario potrebbe essere il seguente: l’automobilista opta per attivare il nuovo contratto di assicurazione con una nuova compagnia per cui, la polizza, decorrerà dalla data del pagamento. In questo modo il cliente gioverà di trenta giorni di vantaggio pur avendo pagato ugualmente l’annualità. Se dovessero verificarsi dei sinistri nel periodo che va tra la vecchia copertura e l’attivazione della nuova polizza, i danni saranno a carico della vecchia compagnia.

Multe

Le multe potranno essere scontate del 30% se pagate entro 5 giorni dalla data di contestazione della violazione su strada immediata o notificata tramite verbale presso la residenza del proprietario del veicolo. Il termine di estende a trenta giorni per le contravvenzioni contestate dal 18 marzo al 31 maggio 2020. Inoltre una circolare del Ministero dei Trasporti ha sospeso il pagamento delle multe fino al 5 aprile ad esclusione di quelle riguardanti le violazioni del codice penale. Attenzione perché i tempi validi di recapito della multa sono protratti fino a tre mesi.

Rivalsa e revisione della patente

La rivalsa per la patente e la revisione scadute sono valide come prima del decreto. Quando questo decreto legge terminerà chi ha viaggiato con la patente o con la revisione scaduta e avrà causato un incidente potrebbe essere soggetto al rischio di rivalsa. Nella pratica la compagnia assicurativa pagherà i danni all’altro conducente e poi potrà avere il diritto di farsi risarcire da chi ha commesso il sinistro, il suo cliente. L’ANIA ha ricordato che il motivo principale per cui le coperture RCA decadono riguardano proprio i casi di sinistri stradali causati da conducenti privi delle abilitazioni. Lo stesso vale per i conducenti in stato di ebrezza o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti per i quali la compagnia paga i danni ma poi agirà con rivalsa sul conducente del veicolo per il recupero delle somme risarcite. L’esclusione della copertura RC Auto è espressamente chiarita sui contratti di polizza e riguarda per l’appunto i conducenti non abilitati, ovvero quelli che si mettono alla guida senza documenti in regola o violando il codice della strada e il codice penale.

Share.