Polizza Indennitaria per l’Immobile in costruzione: tutto quello che c’è da sapere

0

Spesso capita di acquistare un immobile ancora in costruzione e quindi non ancora finito: questo rappresenta sicuramente un vantaggio sotto alcuni punti di vista, ma per altri versi potrebbe essere un grande rischio. Se dovesse accadere qualche incidente imprevisto o una volta pronto l’immobile dovesse presentare alcuni difetti strutturali, potrebbe rivelarsi un vero problema anche a livello economico. Per questo motivo esiste la polizza indennitaria per gli immobili in costruzione: si tratta di un’assicurazione tutt’altro che facoltativa perchè tutte le imprese edili sono costrette per legge a stipularla. Se quindi non vi risulta che questa polizza sia stata sottoscritta dal costruttore del vostro immobile, vi consiglio di farlo presente e richiedere dei provvedimenti.

La polizza indennitaria per gli immobili in costruzione è sicuramente un’assicurazione indispensabile per tutelare coloro che acquistano una casa non ancora pronta per essere abitata: si tratta di una garanzia che dev’essere presente per legge e quindi va necessariamente sottoscritta dall’impresa edile a vostra tutela. Scopriamo meglio come funziona e cosa copre questa importantissima copertura assicurativa.

Polizza indennitaria immobile in costruzione: le coperture previste

La polizza indennitaria per l’immobile in costruzione obbligatoria prevede una serie di tutele per il compratore, che hanno una validità di ben 10 anni a partire dalla data di completamento dei lavori. In particolare, le coperture previste sono le seguenti:

  • Danni subiti o provocati a terzi e dovuti dalla rovina dell’immobile;
  • Danni subiti o provocati a terzi e dovuti da difetti di progettazione;
  • Problemi legati al suolo su cui è collocato l’immobile (destinazione d’uso, ecc.).

Le tutele in caso di fallimento dell’impresa

Purtroppo non sono rari i casi in cui l’impresa edile, ancor prima di terminare la costruzione dell’immobile, sia costretta a dichiarare fallimento: in queste situazioni le difficoltà erano molte e soprattutto in carico agli acquirenti, che fino a qualche anno fa potevano contare su poche tutele. La legge, proprio per questo motivo, ha previsto l’obbligatorietà di una polizza fideiussoria nei confronti dell’acquirente: in tal modo tutte le somme versate all’impresa possono essere rimborsate qualora l’impresa stessa dovesse fallire e il compratore sarebbe in tal senso tutelato.

Trattandosi di una polizza obbligatoria per legge, qualora  non venisse garantita tale polizza fideiussoria da parte del costruttore, il contratto preliminare risulterebbe nullo anche se firmato da entrambe le parti. Questo significa che l’acquirente potrebbe risolvere in qualsiasi momento l’impegno preso con l’impresa.

E’ quindi evidente che grazie a queste garanzie obbligatorie per legge i compratori di immobili in costruzione risultano tutelati in tutto e per tutto: è però importante verificare sempre che l’impresa agisca in modo corretto e rispettando tali leggi. Qualora le polizze obbligatorie non venissero stipulate, noi avremmo tutte le carte in regola per estinguere ogni tipo di impegno preso fino a quel momento. 

Share.